Ogni elemento del settore dei tour e delle attività è stato scardinato dal coronavirus COVID-19, dai grandi mercati online ben finanziati ai fornitori di software agli operatori locali in lontani angoli del mondo. Ma le strategie per sopravvivere alla crisi variano, e un esempio interessante è quello di GetYourGuide, con sede a Berlino.

Fondata nel 2009 da quattro compagni di classe del college, GetYourGuide ha raccolto oltre 650 milioni di dollari, tra cui un massiccio round da 484 milioni di dollari di Serie E quasi un anno fa guidato da SoftBank Vision Fund. Ma anche con quel cuscino, il co-fondatore e COO Tao Tao Tao dice che i fondatori non hanno dimenticato le lezioni apprese nei primi giorni, poiché hanno costruito un nuovo tipo di startup di viaggio all’indomani della crisi finanziaria globale.

“In un certo senso la nostra cultura ha preso la forma del bootstrapping (i.e. autofinanziamento) tra il 2009 e il 2012. Abbiamo raccolto un round di serie A solo nel 2012, che è molto tardi per una startup al giorno d’oggi”, dice.

“Molta della nostra cultura è sempre stata quella di crescere nell’incertezza, di assumersi la responsabilità, di fare qualcosa dal nulla”. Questi sono alcuni dei valori fondamentali degli ultimi 10 anni”.

Quando il virus ha iniziato a permeare le comunità di tutto il mondo, Tao e i suoi co-fondatori hanno elaborato un piano di sopravvivenza basato su una combinazione di riduzione delle spese, adeguamento delle previsioni e conservazione della liquidità, con l’obiettivo di evitare licenziamenti per gli oltre 700 dipendenti dell’azienda in 17 uffici in tutto il mondo.

“Questo è un piano che prevede fondamentalmente che il 2020 sia inesistente. Non si può avere meno di zero prenotazioni”. Quindi è un piano molto conservativo che riteniamo molto forte”, dice.

“Penso che sia pericoloso cambiare strategia e direzione ogni settimana, [per esempio] solo perché si ricevono nuove notizie sui vaccini o non vaccini. In questo momento è importante avere dei principi, e lo stiamo facendo”.

Riduzione dei costi

L’azienda dice che le prenotazioni non sono veramente a zero. Le località remote – per esempio Vanuatu e Papua Nuova Guinea – stanno ricevendo un po’ di attività al momento, e una più ampia gamma di prenotazioni si sta avvicinando per l’autunno. Ma, naturalmente, non ha nulla a che vedere con il volume in rapida crescita che l’azienda ha registrato all’inizio dell’anno.

Il lavoro è generalmente il costo maggiore per un’azienda, quindi una componente chiave del piano di GetYourGuide è un mix di riduzioni volontarie dello stipendio e delle ore di lavoro, tra cui i quattro fondatori che si sono presi il 50% di riduzione degli stipendi e il senior management che si è preso “significative riduzioni volontarie degli stipendi”.

I tagli volontari allo stipendio e alle ore sono distribuiti in tutti gli uffici GetYourGuide a livello globale, con un impatto su oltre la metà dei 700 dipendenti.

Per coloro che lavorano in Germania – circa tre quarti del personale totale – le riduzioni salariali sono sovvenzionate dal governo attraverso un programma di assistenza finanziaria noto come Kurzarbeit, che si traduce in “lavoro a orario ridotto”. Attraverso il programma, le aziende possono ridurre le ore e la retribuzione dei dipendenti, e il governo fornisce a questi ultimi un supplemento pari a circa due terzi del loro salario perduto – riducendo sia i costi per i datori di lavoro che le difficoltà per i dipendenti.

Questo programma fa parte di ciò che ha permesso a GetYourGuide di evitare qualsiasi licenziamento, a differenza del suo principale concorrente, Klook, con sede a Hong Kong, che ha implementato un mix di licenziamenti e permessi di almeno tre mesi per il 10-20% della sua forza lavoro.

“Si perde così tanta conoscenza, si perde così tanta cultura [con i licenziamenti]. E poi devi riassumere e hai il doppio dei costi di reclutamento, di formazione e di assunzione”. In questo modo è possibile risparmiare sui costi, pur mantenendo i legami tra i dipendenti e l’organizzazione”, dice Tao.

“Per noi ha senso garantire il futuro, ma anche proteggere il più possibile la nostra forza lavoro”.

L’azienda afferma che gli attuali accordi di riduzione sono in vigore fino alla fine del 2020, ma questo potrebbe cambiare se le prenotazioni dovessero aumentare.

Fornitori

Come altri mercati, anche GetYourGuide sta navigando sul delicato equilibrio di servire sia i viaggiatori che i fornitori.

All’inizio della crisi, il 1° marzo, la società ha rivisto le proprie politiche di cancellazione, che prima dell’epidemia erano state determinate dai fornitori. Tao afferma che l’impegno è rimanere “100% customer-centric”, l’azienda offre rimborsi completi per tutte le cancellazioni effettuate con più di 24 ore di anticipo e un voucher per l’utilizzo futuro per quelle effettuate entro 24 ore.

“Se un fornitore non ha accettato una cancellazione, ci siamo mangiati il costo”, dice Tao.

“Faremo la cosa giusta per i nostri clienti in ogni caso, e poi parleremo con i nostri fornitori per dire che questa è una situazione terribile per tutti, possiamo fare la cosa giusta per i nostri clienti insieme”. E la stragrande maggioranza dei nostri fornitori lo ha fatto”.

Per assistere questi fornitori nel breve termine, l’azienda ha raccolto informazioni su come richiedere assistenza governativa nei mercati di tutto il mondo. E man mano che le prenotazioni aumentano, Tao dice che GetYourGuide sta dando ai fornitori la possibilità di ricevere pagamenti più frequenti – mensili invece che bimestrali – per accelerare il loro recupero e dare loro liquidità per pagare le guide turistiche, acquistare i biglietti di cui potrebbero aver bisogno, noleggiare l’attrezzatura.

L’azienda sta anche parlando con i fornitori dei cambiamenti che dovranno essere apportati per ridurre al minimo i rischi per la salute con la ripresa dell’attività di viaggio. Tao dice che si aspetta che ce ne saranno molti, come un maggior numero di esperienze senza contatto, gruppi di dimensioni più piccole e orari operativi più lunghi per disperdere la domanda.

Ma ciò che non cambierà, dice, è la capacità di continuare a far crescere GetYourGuide e il settore dei tour e delle attività nel suo complesso.

“La visione a lungo termine non è cambiata. Si tratta di un mercato da oltre 100 miliardi di dollari, non c’è molta penetrazione online”, dice.

“La gente viaggerà”. La gente prenoterà esperienze. Ma in questo momento ci stiamo concentrando molto sul mantenimento della flessibilità finanziaria senza influire sulle operazioni”.

FONTI:

Ti potrebbero anche piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.