Gli hotel americani si stanno preparando per il post Covid-19. Cercando di rispondere ad una domanda fondamentale: come possono gli ospiti sapere che la struttura scelta garantisca la sicurezza del soggiorno?

L’American Hotel & Lodging Association (AHLA) ha presentato la settimana scorsa le sue linee guida SafeStay, uno sforzo fatto in collaborazione con grandi marchi come Hilton, Marriott e Best Western per “standardizzare” la pulizia degli ambienti.  “È davvero uno sforzo – ha dichiarato Chip Rogers, presidente e ceo di AHLA – per assicurarsi che siano garantiti standard comuni a tutte le strutture, sia hotel economici a soggiorno prolungato, sia resort di lusso”. 

Il rapporto delinea le pratiche e le procedure di base dell’hotel (qui le linee guida complete) volte a proteggere i dipendenti e gli ospiti. Tra queste best practice, si ricordano:

  • Uso di lavamani e disinfettanti per le mani; gli erogatori, quando possibile, devono essere presenti nei punti di maggiore affluenza e contatto (es. reception della hall, ingressi per i dipendenti, etc.)
  • L’installazione di segnaletica nelle zone di maggiore affluenza e contatto che ricordi sia ai dipendenti che agli ospiti come indossare, utilizzare e smaltire poi le mascherine
  • Controlli sullo stato di salute dei dipendenti, tra cui il controllo della temperatura corporea. I dipendenti che notano un collega e/o ospiti mostrare i sintomi di COVID-19 sono tenuti a contattare immediatamente un manager della struttura 
  • Un aumento delle pratiche di pulizia, soprattutto in luoghi come ascensori per gli ospiti dell’hotel, le postazioni di check-in alla reception e i bagni pubblici
  • Il servizio di pulizia non sia autorizzato ad entrare nella stanza degli ospiti durante il loro soggiorno, a meno di esplicita richiesta da parte dell’ospite o di mancato rispetto dei protocolli sanitari da parte di quest’ultimo.
  • Per gli ospiti: distanza fisica di almeno un metro e ottanta da altri gruppi di viaggiatori
  • Per i dipendenti: distanziamento fisico nelle sale da pranzo, nelle aule di formazione e altro; gli agenti della reception dovrebbero utilizzare ogni altra postazione di lavoro
  • Il check-in automatico (remoto, self check-in e/o modalità similari) è fortemente da incentivare ove possibile

Oltre a fissare gli standard del settore, AHLA spera di utilizzare SafeStay come un modo per lavorare con i legislatori locali che cercano di regolamentare le proprietà degli hotel e cercare una via per creare una certificazione di sicurezza avanzata che possa valere in modo permanente.

È d’altro canto positivo avere una serie di standard di pulizia universalmente adottati. Il COVID-19 è la sfida di oggi, ma non è passato molto tempo da quando si è avuta la SARS e il MERS. Ed è probabile che in futuro emergano altre sfide per la salute. Se l’intera industria adotterà standard precisi, sarà in una posizione migliore per assicurarsi che tutti comprendano quanto sia pulita e sicura una stanza d’albergo.

Linee guida generali – da AHLA

FONTI:

Ti potrebbero anche piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.