Expedia Group ha deciso di dedicare più di un quarto di miliardo di dollari per aiutare i suoi partner a riprendersi dall’impatto della pandemia di coronavirus.

Il grosso del fondo complessivo di 275 milioni di dollari, ossia 250 milioni di dollari, è destinato ai partner di alloggi, sotto forma di crediti di marketing e sgravi finanziari; il restante per sostenere le destinazioni, l’industria dei viaggi in generale e ulteriori sforzi non meglio definiti.

Cyril Ranque, presidente di Travel Partners Group di Expedia Group, afferma che il programma di agevolazioni per i suoi partner di alloggio è nato dalle conversazioni che Expedia Group ha avuto con i fornitori su ciò che l’OTA può fare per aiutarli nel recupero.

“Ci sono state molte richieste di commissioni più basse, crediti di marketing, contanti, etc. Abbiamo cercato di costruire un programma che si occupi di un po’ di tutti questi tipi di richieste, che in sostanza si riducono a due diversi tipi di richieste: avere una maggiore esposizione, così ogni volta che c’è una domanda in arrivo si è in cima alla graduatoria di scelta, e se possibile rendere tale esposizione più economica”.

Per ogni proprietà che partecipa al programma, Expedia Group reinvestirà il 25% del compenso guadagnato nel 2019 dalla proprietà in crediti di marketing. Le proprietà riceveranno i crediti di marketing – che vanno da un minimo di 200 a 100.000 dollari – sulla base di segnali di recupero, come ad esempio l’andamento della domanda per un periodo di tre mesi a scelta per aumentare la visibilità, durante il quale Expedia Group ridurrà anche il suo compenso del 10% su tutte le nuove prenotazioni effettuate, indipendentemente dalle date effettive del soggiorno.

Aggiunge che la riduzione del compenso è più che altro un gesto “simbolico”, perché “ciò che conta in un periodo di tempo come questo con pochissimo volume non è pagare di meno su una prenotazione – in realtà si tratta di ottenere prenotazioni”. Ranque aggiunge che i compensi previsti sulle prenotazioni future sono necessari anche per definire quanto denaro l’azienda può investire in campagne di marketing.

La società ha già iniziato a pilotare il programma in Asia. Altrove per i partner di alloggi, Expedia Group sta fornendo dati per tracciare le tendenze, come il traffico del sito web, le date dei soggiorni e i mercati di provenienza della domanda, attraverso il suo nuovo strumento Market Insights, e sta aiutando le catene e i gruppi di proprietari a gestire la distribuzione delle tariffe all’ingrosso attraverso una nuova versione della sua soluzione di distribuzione ottimizzata.

L’azienda ha anche creato un programma di formazione e istruzione gratuito, chiamato Expedia Group Academy, per aiutare le persone del mondo del turismo che hanno perso il lavoro a sviluppare le loro competenze. Al termine del programma, che sarà lanciato a giugno, i partecipanti riceveranno una certificazione e opportunità di reclutamento.

FONTI:

Ti potrebbero anche piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.