L’industria degli affitti brevi sta spostando l’attenzione sempre più verso la pulizia e l’igiene, seguendo i nuovi requisiti imposti dalla pandemia da Coronavirus. La piattaforma per la gestione della pulizia Properly ha lanciato un programma pilota con Booking.com per far rispettare gli standard di qualità e sicurezza che possono aiutare gli affitti nel loro recupero.

Properly è una soluzione di gestione della qualità end-to-end che aiuta i proprietari e i gestori delle case vacanza a garantire un’eccezionale pulizia, manutenzione, ispezioni e consegna delle chiavi. È incentrata sull’applicazione mobile Properly, che gli addetti alle pulizie possono scaricare su qualsiasi smartphone, e su un’applicazione web che permette di pianificare e monitorare le pulizie in modo semplice. L’app consente infatti di comunicare correttamente gli standard di qualità agli addetti alle pulizie, utilizzando modelli di checklist personalizzati. Si possono inoltre inviare agli addetti alle pulizie liste di controllo visive, insieme alla posizione della proprietà, alle informazioni di ingresso e ai dettagli specializzati.

Il progetto, iniziato prima dell’epidemia di Coronavirus nel novembre 2019, è stato progettato per aiutare a migliorare i punteggi di pulizia delle proprietà che non soddisfano la soglia minima di pulizia di Booking.com. Quando un gestore di proprietà o un host che partecipa al programma sponsorizzato da Booking.com scarica Properly, il software viene fornito preconfigurato con i requisiti minimi di qualità delle pulizie di Booking.com.

I partecipanti al programma, così come tutti gli altri utenti di Properly, hanno a disposizione anche una checklist COVID-19, pubblicata di recente, per la loro applicazione per le pulizie, che si basa sulle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per i fornitori di alloggi pubblicate il 31 marzo.

Alex Nigg, fondatore e CEO di Properly, ha specificato che la piattaforma è progettata per qualsiasi tipo di addetto alla pulizie, dai servizi di pulizia professionali ai singoli ospiti. Una volta che una proprietà ha completato la checklist – e superato un’ispezione a distanza dalla fine di Properly – Properly fornirà la certificazione interna a Booking.com. “Il concetto fondamentale alla base di tutto questo è che ci sono un milione di host diversi, ma non dovrebbero esserci un milione di modi diversi di pulire. Un elemento chiave è che questo crea condizioni di parità per l’intero settore. Si può essere un ospite individuale o parte di una società di gestione immobiliare più grande e applicare esattamente gli stessi standard”.

Booking.com è stato il primo “lancio” del programma di Properly, ma l’azienda di San Francisco ha già firmato accordi con un’altra piattaforma di quotazione globale che copre più mercati ed è in trattative avanzate con un altro marchio globale. L’attuale fase del progetto pilota di Booking.com si concentra sulle proprietà che ottengono costantemente un basso punteggio di pulizia e copre proprietà in decine di paesi e in due lingue.

FONTI:

Ti potrebbero anche piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.