La startup britannica Bimble, app e piattaforma che può facilmente raccogliere e condividere tutti i luoghi preferiti dai viaggiatori, ha raccolto 1,4 milioni di euro di finanziamenti provenienti da un’ambita lista di investitori tecnologici in fase iniziale. 

Fondata nel 2017, Bimble prende il nome dall’affascinante e antico termine inglese per “una piacevole passeggiata o un viaggio” (Oxford English Dictionary). È noto quanto si impara su una località dopo aver fatto un viaggio. Ma dove teniamo tutte queste informazioni, che al momento sembrano ovvie, ma che sarebbero davvero preziose per gli altri? Bimble è una repository elegante per i luoghi preferiti, aiutando a creare e ricordare senza sforzo liste di luoghi e di viaggi personalizzate e a condividerle con altre persone interessate sulle loro applicazioni iOS e sulle loro piattaforme.

Co-fondata da Francesa Howland e Tomi Novak, l’esuberante azienda alle prime armi ha passato gli ultimi dodici mesi a sviluppare la sua esclusiva tecnologia placelist, e ha già costruito una comunità di 60.000 persone attraverso il beta testing. Le playlist sono semplici da creare e condividere. Con questa nuova tecnologia, Bimble mira a fare con i luoghi quello che Spotify ha fatto per la musica. E il suo nuovo round di finanziamenti la aiuterà ad arrivarci, round sostenuto da un consorzio di business angels con forti track record digitali e di IA in viaggi, vendita al dettaglio, moda e modelli in abbonamento, tra cui Dimitris Panagopoulos, uno dei sostenitori originali di Net-a-Porter (che ha guidato il round per Bimble), Rupert Rittson-Thomas e Julian Granville. Un terzo dell’investimento proviene da business angel femminili impegnati a sostenere altre imprenditrici.  

L’azienda utilizzerà l’iniezione di liquidità per rafforzare i suoi team di marketing e di prodotto, oltre a sviluppare ulteriormente la piattaforma e l’app. Grazie all’ampia roadmap di prodotto, Bimble rilascerà anche nuove funzionalità all’app iOS ogni mese per il prossimo futuro, nell’ambito del suo impegno per la costruzione di una piattaforma mediatica di comunità di nuova generazione allo stato dell’arte.

“Se la domanda è ‘dove?’ Bimble è la risposta – ha dichiarato Francesca Howland, ad e cofondatore -. Quante volte avete scoperto o vi è stato consigliato di andare da qualche parte e ve ne siete dimenticati? Abbiamo creato Bimble dopo esserci resi conto che ci sono migliaia di consigli di posti condivisi ogni giorno, ma non c’è un modo semplice per raccoglierli e trasmetterli. Guardando più da vicino l’opportunità, non riuscivamo a credere che nessuno lo stesse già facendo. Abbiamo passato un anno a confrontarci con i nostri membri e con ciò che li motiva. Attraverso l’app si possono monitorare i luoghi che significano qualcosa per ognuno, aiutando voi e le vostre persone affini a godervi meglio il mondo che vi circonda”.

“I miei tre criteri di investimento – ha commentato Dimitris Panagopoulos – sono la fiducia nel prodotto per essere una vera innovazione, il suo potenziale per essere scalabile a livello globale e la mia completa fiducia nel fondatore. Ho piena fiducia nella visione di Bimble e nel fatto che Francesca la realizzerà. Bimble ci offre una comunità digitale significativa, creativa e che migliora la vita; molto diversa dalle piattaforme dei social media degli ultimi dieci anni”.

La startup è stata anche selezionata per il programma Google Digital Accelerator Programme – una partnership su invito in cui Google collabora con pochi marchi selezionati ad alto potenziale che hanno grandi obiettivi di crescita, molte ambizioni e il potenziale di crescita su larga scala. Attraverso il programma, il team dedicato allo sviluppo delle applicazioni di Google sarà messo a disposizione per raggiungere gli obiettivi di crescita di Bimble. L’azienda ha anche stretto una partnership con easyJet, un sostenitore tecnologico all’inizio della fase di sviluppo, il che significa che i posti presenti in easyJet Traveller saranno aggiunti alla pagina Bimble della rivista della compagnia aerea ogni mese, rendendo semplice per gli utenti aggiungerli alle proprie liste con un semplice clic.  

FONTE:
Oxford-based Bimble raises €1.4 million to change how we remember and share places we love

    Ti potrebbero anche piacere

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.